Giornata di presentazione 3 Emme Games

Giornata di presentazione 3 Emme Games

Metti un caldo pomeriggio d’estate, metti la provincia milanese, metti un invito un po’ misterioso…

Ecco, questo è ciò che ci è successo lo scorso sabato, quando siamo andati alla presentazione della 3 Emme Games. Un nome “strano” ed evocativo per il panorama ludico, che ci ha al contempo stupiti e resi, sinceramente, un po’ perplessi; ma in seguito avremmo capito.

Ad accoglierci uno staff sorridente, due stanze ben organizzate con giochi, buon cibo e tavoli su tavoli di giochi. Alcune facce note, su tutti Teohh e Miss Meeple, altre totalmente sconosciute, ma tutte ben sorridenti. La scansione della giornata molto chiara: presentazione della ditta, “piccolo” rinfresco, poi si provano giochi su giochi.

Presentazione 3 Emme Games

La 3 Emme Games si presenta: un gruppo dinamico, con idee sufficientemente chiare, un’ottima persona alla comunicazione (Alexander Quarella, già vlogger e addetto alla comunicazione di un’altra ditta di giochi). Tutto bello, tutti sorridenti, ma veniamo ai punti chiave:Idea vincente, chiarire subito i casi di omonimia, spiegando che 3 Emme Games fa parte di un gruppo più grosso, 3 Emme appunto, che si occupa di tutt’altro. Quindi il nome è rimasto, ovviamente, inamovibile.

Alexander entra nel vivo spiegandoci la road-map delle prossime uscite, e la filosofia della Casa Editrice:

Dopo la presentazione e dopo la pausa pranzo abbiamo iniziato ad esplorare il catalogo del prossimo futuro 3 Emme Games

I Giochi 3 Emme Games

Kingdom Run

Titolo Ankama in uscita ad ottobre per il mercato Italiano. Si tratta di una rapidissima corsa di simpatici personaggi, attraverso un breve percorso ad ispirazione fantasy-medievale. I punti di forza del gioco sono: breve durata, sistema di movimento innovativo, grafica accattivante. Il sistema di movimento merita una parola in più: nel proprio turno il giocatore tira 4 dadi che possono essere ritirati, uno o più, per poter migliorare la propria combinazione di simboli. Oltre al movimento normale, i simboli più efficaci sono: il movimento di gruppo, nel quale vengo mossi uno o più dei segnalini presenti nella stessa casella, sia propri che dell’avversario; il simbolo dell’acqua, l’unico che permette ad una nostra pedina di uscire dalle pozzanghere o che permette di correre fino alla pozzanghera successiva; la pozione per addormentare, che addormenta o risveglia una pedina, quando una pedina dorme non può muovere.

Kharnage

Titolo controverso ma molto godibile, una rapidissima battaglia da due a 4 giocatori, al limite del party game. Strategia limitata, massacri alle stelle, un buon filler o introduttivo alla tematica Wargames- Skirmish. Grazie alla copia fornitaci da 3 Emme Games approfondiremo presto questo gioco.

Heroes of Black Reach

Non avendo avuto il tempo di provarlo, vi rimando pari pari a ciò che ci hanno raccontato di questo gioco a brand Warhammer 40.000.

Brothers

Brothers riprende e modifica il concetto di Patchwork inserendovi un paio di accorgimenti differenti. La plancia componibile, per poter impostare già una strategia dal setup; due sole tipologie di tessere, una per ciascun giocatore, una dichiaratamente più avvantaggiata dell’altra, infatti ha due pesi diversi in fase di punteggio. Un gioco pensato per far almeno due partite, in modo da aver un punteggio uniforme.

Age of Towers

Sinceramente il gioco che attendevo maggiormente, un Tower Defence con tutti i crismi del caso. Proprio come il genere videoludico dovrete sistemare il percorso, costruire le torrette e massacrare i mostri che arrivano. Ma non è un solitario di gruppo! Numerose carte, infatti, vi permetteranno di interagire con gli altri giocatori mettendo loro i bastoni tra le ruote: rubando torrette, sabotandogliele, rimandando i mostri in gioco, ecc… Graficamente spettacolare, altamente divertente.

Per concludere

In chiusura di giornata abbiamo approfittato di Alexander per fare una chiacchierata riassuntiva sulla giornata.


Also published on Medium.

Faccio mie parole di altri. Così mi descrivono su Lega Nerd :) "Una persona guidata da due concetti straordinariamente positivi: stare insieme e giocare. Era dunque inevitabile che in gioventù fosse uno dei principali promotori di iniziative con l’associazione Amici Ludici di Mantova. Se il suo incarico da educatore lo mantiene attivo sul lato sociale, il suo impegno con l’app Il Gioco lo tiene estremamente impegnato in ambito ludico. Sua infatti la mente e la “penna” dietro molte delle anteprime che leggiamo sui nostri smartphone tutti i giorni, che lo rendono un importante influencer in ambito nazionale. Chi temeva che la paternità lo fermasse, dopo averlo visto presenziare alle più importanti fiere internazionali con pargolo al seguito, si è potuto ricredere!"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lost Password

Sign Up

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: