Cos’è Giocacon

l’evento ludico di Piacenza

Cos’è Giocacon

 

Oggi voglio parlarvi di una cosa che mi sta particolarmente a cuore.
Quando qualche tempo fa ho deciso di aprire la mia pagina Facebook, l’intento (che nel tempo è rimasto lo stesso) era quello di promuovere il gioco da tavolo cercando di portarlo “in superficie”, dove tutte le persone potessero vederlo e non solo una cerchia ristretta di fortunati e appassionatissimi.

Questo approccio che ho al gioco da tavolo deriva in parte dalla mia personalità, ma anche e soprattuto dalla mia esperienza in Giocacon, un evento dedicato interamente al gioco da tavolo e di ruolo, organizzato dall’Orizzonte degli eventi.
La prima volta che ho partecipato nel 2017 mi ha subito colpito l’ambiente che ho trovato: un bel gruppo di ragazzi volontari che dedicavano il loro weekend (l’evento si svolge in due giorni, sabato e domenica) a spiegare ai visitatori interessati i regolamenti più improbabili.
C’era chi spiegava ad un gruppo di adolescenti impazienti Zombiecide, chi si destreggiava nel calmare una manciata di bambinetti che fremevano per provare Pozioni Esplosive, chi imbastiva un’improbabile partita a Riff Raff con un ultra-settantenne e chi trasportava un allegra famigliola nel mondo di D&D.
Tanto per darvi un’idea.
Il clima così disteso, gioioso e di unione era davvero da prendere come esempio.

Durante l’evento vengono organizzati tornei di tutti i tipi, negli ultimi anni c’erano: quelli più classico di Magic The Gathering, con decine di giocatori provenienti dalla città, dalla provincia e anche da un po’ più lontano e Star Wars: X-Wings, non so esattamente cosa sia, non l’ho mai provato, so solo che due giocatori, su un bel tavolone, muovono astronavi di cartone con una serietà stampata in volto che mi mette un po’ di ansia.
Grande rivelazione dell’ultimo anno è stato il torneo di Ricochet Robots, un gioco scacchistico che crea un pathos attorno al tavolo a livelli che neanche l’estrazione di un legnetto a Jenga; l’associazione aveva realizzato una copia gigante del gioco (composta di tessere in scala e robot stampati in 3D) in modo che potessero giocare contemporaneamente anche 15/20 persone. Nella hall dell’albergo, in cui si svolgeva l’evento, un grande tavolo quadrato era attorniato da un bel gruppetto di persone in religioso silenzio. Il gioco infatti prevede che ogni partecipante pensi al minor numero di mosse che i robottini colorati sulla plancia possono impiegare per raggiungere un determinato punto contrassegnato da un simbolo. Il più veloce può vincere, a patto che qualcun’altro non trovi una strada più breve!

Un sfida all’ultimo sangue, vince chi ha i nervi più saldi.
I tornei che completano l’elenco sono: The Resistance, il gioco di identità nascoste per eccellenza e il nuovo classico Pandemic.

All’interno di Giocacon il gioco da tavolo è il perno, ma c’è spazio un po’ per tutto il mondo nerd e del gioco in generale. Sono tante ad esempio le piccole bancarelle dei negozianti piacentini che portano in loco fumetti, carte e action figures; ci sono inoltre spazi riservati alle case editrici e ai venditori online, per far provare le ultime uscite ed anche per fare qualche buon affare.
Nell’ultima edizione era presente addirittura una Escape Room originale da provare e la possibilità di rimanere anche alla sera del sabato per sperimentare una cena con delitto.
L’evento si conclude, come succede in molti eventi come questi, con l’asta dei giochi usati degli ospiti, che vengono accumulati e catalogati scrupolosamente durante tutta la due giorni e che vengono banditi alla chiusura nella ormai famigerata Asta-e-Basta.

Come dicono gli americani: one man trash is another man’s treasure!

Ed è vero! Ho visto andare via a prezzi incredibili dei gran bei giochi.
Ovviamente c’erano anche parecchie ciofeche, che nella maggior parte dei casi sono ritornate, mestamente, al loro proprietario!!

Qualcuno leggendo tutto questo starà pensando: che bella marchettona!
Ma c’è un’ultima cosa che ho, volontariamente, omesso di dire: tutto l’evento è assolutamente gratuito.
L’ingresso, i tornei, i giochi… tutto gratis.
L’evento è sponsorizzato dell’associazione ed è portato avanti con l’impegno dei soci volontari, dalla loro passione.
Ed è questo lo spirito che spinge anche me a scrivere questo breve post, che difficilmente riesce a spiegare in toto quello che un evento come questo può significare.

Per questo vi invito a venire a Piacenza per tastare con mano, il 4 e 5 di Maggio.

Il giocatore da tavolo sfortunato in amore

Grafico e designer di lavoro, ma appassionato di giochi da tavolo nella vita privata. Sono deciso a trasmettere la mia passione al mondo intero!💪🏻

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lost Password

Sign Up

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: