Sherlock: Ultima Chiamata Review

Comparlo Subito!
Sherlock: Ultima Chiamata
Review
Anno di Pubblicazione:Genere:, , Autore:, Casa Editrice:Età:, , , , , , , , Tempo di Gioco:Numero Giocatori:, , , , , , ,

E’ sempre complesso recensire un gioco di questo genere, in quanto parlarne troppo genera spesso spoiler, e il rischio di rovinare il gioco è alto. Oggi vi parlo, senza spoiler, di Sherlock: Ultima Chiamata, edito da MS Edizioni.

Dopo aver trovato un cadavere in un volo di linea, la polizia ha chiesto il tuo aiuto per scoprire cosa è successo. Chi è stato? Come ha agito? Qual’è il movente? Risolverai il mistero del volo TJ1309?

Delle meccaniche da 2-8 giocatori della collana Sherlock, ho scritto in occasione del caso demo (puoi trovare qui l’articolo). In questo secondo caso ho testato le regole per il gioco solitario.
Ero sinceramente scettico, prima di provarle, in quanto avevo individuato nel fatto che le informazioni non fossero a disposizione di tutti i giocatori, la vera forza di questa collana.

Nelle regole per il gioco solitario, la situazione si modifica decisamente! Infatti il giocatore si troverà di fronte alla possibilità di poter esaminare tutte le carte del caso ma dovrà scegliere cosa tenere e cosa scartare.

Nel dettaglio: il giocatore pesca 6 carte e poi può:

  • Giocarla come nel gioco base
  • Scartarla in una pila degli scarti temporanea
  • Scartarla in una pila degli scarti definitiva

Quando il mazzo finisce per la prima volta e negli scarti definitivi ci sono almeno 6 carte, allora il giocatore ricomincerà a pescare dal mazzo degli scarti temporanei e le opzioni diventeranno solo 2: giocare o scartare. Così fino ad esaurimento carte. Poi – come sempre – dovrà rispondere alle domande e perderà punti per le carte “fuori pista” messe a terra. (vedi regolamento completo).

Il twist, l’effetto wow, o se preferite il genio nel regolamento per il giocatote singolo sta tutto nella scelta. Nel dover scartare ben 6 carte prima di averle viste tutte. Perché un giocatore, volendo, potrebbe non mettere nulla sul tavolo il primo giro, potendo comunque rivedere tutte le carte durante il secondo, ma il dover scartare 6 carte “al buio” rende emozionante e coinvolgente la storia.

Personalmente non ho fatto un gran punteggio nonostante abbia risolto completamente il caso. Ho infatti indovinato 9 domande su 10 ma ho messo in tavola parecchie carte che non dovevano esserci. Questo nella foga di seguire più piste, quando invece il gioco vuole che tu segua solamente quella corretta.

Per quanto riguarda la storia di Ultima Chiamata, l’ho trovata molto avvincente, forse un filo meno contorta rispetto al caso demo, ma con più scelte da fare e più vicoli ciechi e false piste.
Mi piacerebbe dirvi di più, ma sarebbe un grande spoiler!

Vi consiglio di acquistare Sherlock: Ultima Chiamata se volete provare a risolvere un buon giallo, con diversi colpi di scena.

 



Ti è piaciuta la recensione? Cosa ne pensi di lasciarci un Like su Facebook oppure di seguirci su Twitter o Telegram? Potrai così essere sempre aggiornato sulle prossime recensioni!

Good

  • Storia avvincente
  • Meccaniche valide sia in singolo che in gruppo
7.5

Tutto OK

Originalità delle Meccaniche - 8
Materiali - 7

Lost Password

Sign Up

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: