Monster Slaughter Review

Monster Slaughter
Review
Anno di Pubblicazione:Genere:, , , Autore:Casa Editrice:, Età:, , , Tempo di Gioco:, Numero Giocatori:, , ,

Una casa circondata da mostri di tutte le specie, e 5 povere vittime al suo interno. Riuscirete a salvar… Ah no aspetta! Voi siete i Mostri!

Componenti e setup

Una volta sistemata la casa 3D i giocatori posizionano 5 invitati tra quelli disponibili, piazzando i relativi cubi e segnalini nelle zone preposte. Viene preparato il mazzo Eventi Notturni e, in seguito, ogni giocatore seleziona la famiglia di mostri con la quale vuole giocare. Vengono così costruiti i mazzi stanza e posizionati sul tabellone. Infine ogni giocatore decide segretamente l’ordine delle vittime.

Gameplay

Ciascun turno ogni giocatore rivela una delle proprie carte Mostro e muove il Mostro corrispondente. Dopo tre turni le carte vengono riprese tutte in mano e si ricomincia. Dopo che tutti i giocatori hanno mosso il proprio Mostro il turno termina e si rivela l’evento notturno. La partita termina quando terminano gli spai per gli eventi notturni.
Quando un giocatore aziona il proprio mostro ha a disposizione 6 diverse azioni, ogni mostro ha un proprio numero di azioni ogni turno. Per alcune azioni (segnate da un’asterisco) il giocatore deve lanciare i dadi azione. Ogni Mostro ha un numero diverso di dadi azione.

  • Spostarsi: Il mostro si sposta da una zona ad una adiacente. Ogni mostro ha 1 azione Spostarsi gratuita ogni turno.
  • Dare un’Occhiata: Da usare quando un mostro è in una stanza oppure in una stanza adiacente a questa con una porta aperta comunicante. Il giocatore guarda la prima carta del mazzo stanza della stanza selezionata.
  • Sfondare una Porta*: Con un successo il giocatore rimuove il segnalino porta (vale 1 punto vittoria a fine partita)
  • Perquisire una stanza*: Ogni successo permette di pescare una carta dal mazzo della stanza dove viene effettuata l’azione.
  • Spaventare le prede*: Ogni successo sposta una Vittima di altrettante zone.
  • Attaccare*: Il giocatore dichiara di attaccare una Vittima, gli avversari possono giocare carte specifiche contro la Famiglia di Mostri del giocatore attaccante. L’attaccante tira i dadi verdi, gli altri giocatori tirano i dadi bianchi in base alle carte che hanno giocato. Dai successi del Mostro si tolgono i successi dei difensori. Per ogni successo del Mostro si tolgono altrettanti punti vita alla Vittima (il giocatore guadagna altrettanti punti carne). Se i successi della Vittima sono maggiori, il Mostro è espulso dalla casa. Se la Vittima muore viene rimossa dal tabellone, il giocatore che l’ha uccisa riceve 1 gettone osso. Poi si controlla l’ordine di predizione delle Vittime, chi ha predetto giusto riceve anche un gettone Cervello. Se chi ha ucciso la preda aveva anche messo il segnalino Pasto Preferito sopra di essa riceve anche 1 gettone bersaglio.

Alla fine della partita ciascun giocatore somma i punti presenti dietro tuti i segnalini Carne (2 p.ti), Colpo Fatale (2 p.ti), Cervello (3 p.ti), Bersaglio (5 p.ti), Porte (1 p.to). Chi ha più punti vince.

Espansione Il Capanno degli Attrezzi

Questa mini espansione, già presente nella scatola, permette un rifugio sicuro per le vittime. I Mostri infatti non potranno entrare nel Capanno, anche se potranno portare attacchi attraverso le finestre, l’unica difesa per le Vittime saranno gli oggetti trovati nel Capanno stesso!

Sceneggiature

Il Libro delle Sceneggiature porta il gioco ad un altro livello.

8 Scenari, con regole sempre differenti, permetteranno di vivere e rivisitare i grandi stereotipi classici delle storie horror. Macchine assassine, party nel bosco, morti viventi e quanto altro attendono i giocatori durante lo svolgimento di questi scenari.

Il mio parere

Monster Slaughter presenta una delle scatole più imponenti viste nell’ultimo periodo, il fondo della scatola stessa diventa la casa dove si svolgono le disavventure delle povere Vittime.

Il gioco di cui vi parlo oggi ribalta la visione preda-predatore, portando il giocatore a giocare una Famiglia di Mostri a caccia di povere Vittime ignare.
Gioco dalle componenti molto ricche e tridimensionali, Monster Slaughter, da il meglio di se con le miniature: 7 famiglie di mostri ciascuna composta da “mamma”, “papà” e “figlio”, e 10 ignari ospiti della casetta del bosco.

Monster Slaughter è il classico gioco che può decisamente entusiasmare gli appassionati di Horror, i quali andranno a ritrovare creature, situazioni e scenari tipici dei film. Appassionerà anche quei giocatori che si emozionano per un tiro di dado ben riuscito o per l’uso della carta giusta al momento giusto.
É un gioco sicuramente con componenti strategiche, dando la possibilità di effettuare “combo” tra i propri mostri e/o di usare carte per assicurare il colpo giusto al momento giusto. Ma anche la migliore pianificazione potrà sempre essere disturbata e contrastata dagli avversari, i quali hanno veramente molti modi per mettere i bastoni tra le ruote.
Nonostante la buona dose di fortuna, il gioco presenta dei sistemi compensativi di punteggio che evitano che la propria partita venga rovinata da un singolo tiro sfortunato.

Dopo alcune partite il consiglio è di passare agli scenari, ben costruiti, che possono spingere il gioco ad un livello veramente avanzata e che fanno venir voglia di costruirne di personalizzati.

Consiglio Monster Slaughter agli appassionati di Horror e coloro i quali vogliano passare una nottata a tema Halloween o similare.

Lost Password

Sign Up

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: