Le Strade d’Inchiostro – Profondo Blu Review

Le Strade d’Inchiostro – Profondo Blu
Review

I dadi vengono tirati, le strade e le ferrovie costruite! In questa versione di Strade d'Inchiostro sarete alla presa con vie d'acqua e laghi che potranno aiutarvi od ostacolarvi. Riuscirete a disegnare le strade migliori?

Anno di Pubblicazione:Genere:, , , Autore:, Casa Editrice:, , Età:, , , , , , , , , , Tempo di Gioco:Numero Giocatori:, , ,

Il 2018 è stato l’anno di svolta per i giochi Roll & Write la cui uscita si è rapidamente propagata durante tutto l’anno. I Roll & Write, per intenderci, sono quei giochi nei quali dato un lancio di dadi – condiviso tra i giocatori o meno – se ne disegnano gli effetti direttamente sulla plancia di gioco.

Uno dei migliori della categoria è, a mio avviso, Le Strade d’Inchiostro, gioco italiano uscito in due differenti versioni: oggi vi parlo della Edizione Blu Profondo

Componenti

Gioco Base

Setup

Ciascun giocatore prende una plancia e un pennarello. Poi si piazzano i dadi Percorso al centro del tavolo

Gameplay

Il gioco dura 7 round. Lo scopo del gioco è connettere in maniera corretta il maggior numero di Uscite (segnate sulla plancia con una freccia). Oltre alle uscite daranno punti anche la lunghezza del percorso e gli spazi centrali occupati.

All’inizio del turno un giocatore lancia i dadi, i quali dovranno essere utilizzati tutti da tutti. Il che significa che ciascun giocatore dovrà disegnare le stesse 4 tratte sulla propria plancia; ovviamente l’uso che ciascuno ne farà determinerà l’abilita, la fortuna e il successo del gioco.
Per essere valida una strada deve essere connessa ad almeno un’uscita o una strada precedentemente disegnata, non è possibile collegare Autostrade e Ferrovie direttamente; servono le apposite stazioni (i quadratini neri sui dadi). Ogni giocatore, sulla parte alta della plancia, ha a disposizione 6 tratte speciali, molto versatili. Ciascun giocatore può usarne 3 in tutta la partita, devono essere tutte differenti e al massimo una per turno di gioco.

Dopo che tutti hanno disegnato il round termina, e i dadi vengono di nuovo lanciati.

A fine partita si controllano le uscite connesse (usando la tabella sulla plancia), l’Autostrada più Lunga, la Ferrovia più Lunga, il numero di Spazi Centrali occupati e si sommano tutti insieme. Poi si sottraggono gli errori. Chi ha più punti vince

Dadi Lago

Setup

Ciascun giocatore prende una plancia e un pennarello. Poi si piazzano i dadi Percorso al centro del tavolo, inoltre si aggiungono i dadi Lago.

Gameplay

Aggiungendo i dadi Lago il gioco dura un round in meno. I dadi Lago sono sempre opzionali, i giocatori non sono obbligati ad usarli al proprio turno. I Laghi che vengono disegnati non devono essere per forza connessi ad altro, e non contano come errore se aperti. A fine partita si conta 1 punto per ogni spazio occupato dal proprio lago più piccolo.

La “forza” dei dadi Lago è di facilitare le connessioni tra le varie uscite. Attraverso i moli, infatti, tutte le strade che terminano in un lago sono considerate connesse tra loro, ampliando notevolmente quindi il network del giocatore.

Dadi Fiume

Setup

Ciascun giocatore prende una plancia e un pennarello. Poi si piazzano i dadi Percorso al centro del tavolo, inoltre si aggiungono i dadi Fiume.

Gameplay

I Fiumi sono un terzo tipo di strada. Non possono connettere tra loro le varie uscite e non possono essere valicati dalle altre strade se non attraverso i ponti.

Usando i dadi Fiume il gioco dura 1 round in meno, i dadi Fiume sono sempre opzionali e quando disegnati non devono per forza connettersi tra loro o con altro. Alla fine della partita il giocatore totalizza 1 punto per quadretto attraversato dal fiume, più 3 punti se le due estremità dello stesso connettono i bordi della mappa.

Il mio parere

Box compatto e magnetico, grafica semplice e accattivante, tre modi di giocare: in sostanza un piccolo gioiellino.
Ero rimasto colpito da Strade d’Inchiostro già alla sua prima presentazione a Norimberga 2018, impressione fortemente rafforzata quando ho potuto giocarlo “realmente” a Essen 2018.

Non amo particolarmente i giochi nei quali c’è da disegnare, soprattutto per limiti personali di grafismo, ma per Strade d’Inchiostro faccio volentieri un’eccezione. La semplice simbologia presente sui dadi facilita ed aiuta anche chi, come me, si trova i difficoltà con un pennarello in mano. D’altra parte, l’importante, è che ognuno riesca a capire la propria mappa alla fine della partita per non confondersi nel contare i punti.

I materiali sono ottimi, le plance resistenti e facilmente cancellabili – ogni tot partite necessitano di una pulizia più approfondita, niente di complicato.

Quando si riesce, come in questo caso, a condensare in maniera semplice ed essenziale un design elegante e divertente bisogna “levarsi il cappello”.
Un gioco adatto alle famiglie e, al contempo, una bella sfida per giocatori incalliti. Espandibile fino a 12 persone con l’edizione Rossa.

Lost Password

Sign Up

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: