10 Famiglie Review

Compralo Ora!
10 Famiglie
Review

Un classico gioco di carte reillustrato da Clementoni. 10 famiglie da riunire. Vince chi riesce a formarne il maggior numero

Anno di Pubblicazione:Genere:, , Autore:Casa Editrice:Età:, , , , , , , , , , , , , Tempo di Gioco:, Numero Giocatori:, , , , , , , ,

50 carte e una piccola confezione possono ancora stupirci nell’attuale panorama ludico? Clementoni dice di si, avrà ragione? Scopriamolo insieme in questa Recensione di 10 Famiglie

Componenti

Gameplay

10 famiglie può essere giocato in 3 modalità differenti, vediamole insieme!

Ogni modalità di gioco condivide un concetto base: le famiglie, 10 in tutto, sono costituite da un padre (carta n°1), una madre (carta n°2), un figlio (carta n°3), e una figlia (carta n°4). Parlando di questo gioco non si può ignorare il fatto che presenti un concetto di famiglia “standardizzato”. Indipendentemente dal pensiero o dal retropensiero rimane una scelta obbligata di game design semplice e funzionale, e l’analizzerò come tale.

10 Famiglie

Il gioco è pensato per 2-6 giocatori. Vengono utilizzate tutte le 40 carte famiglia, eliminando 2 o 3 famiglie in meno di 4 giocatori. Vengono mescolate le famiglie selezionate in un unico mazzo, poi ad ogni giocatore vengono date in mano 5 carte. Lo scopo del gioco è cercare di ricongiungere i vari elementi di ogni famiglia.

Al proprio turno un giocatore chiede ad un altro se possiede una tal carta, ad esempio: “Hai il papà cuoco?”. Se il giocatore che ha ricevuto la richiesta possiede la carta la deve dare al giocatore richiedente, altrimenti il giocatore di turno pesca una carta dal mazzo. Quando un giocatore completa una famiglia la pone scoperta davanti a sé sul tavolo. Quando tutte le famiglie sono state giocate, chi ne possiede di più vince.

Corsa contro il tempo

Un gioco cooperativo per 2-6 giocatori.

In questa modalità si usano, oltre le carte famiglia, anche le carte clessidra, sistemate in due mazzi differenti.
Al proprio turno un giocatore può calare, dalla propria mano formata da 4 o 5 carte, una carta col numero 1 per iniziare una famiglia, oppure una carta col numero progressivamente superiore su una famiglia già iniziata. Se, al proprio turno, il giocatore non può calare nessuna carta viene girata una carta clessidra dal mazzo. Se i giocatori riescono a completare le 10 famiglie prima di aver girato tutte le clessidre del mazzo, vincono la partita.

Tappo

Versione per 3-10 giocatori.
Viene composto un mazzo con un set famiglia pari al numero di giocatori, ed un secondo mazzo con le 10 Clessidre.
Il mazzo Famiglie viene mescolato, poi vengono date 4 carte ad ogni giocatore; poi viene messa una Clessidra al centro del tavolo.
Il turno di tutti i giocatori viene svolto in contemporanea, ogni giocatore passa una carta coperta al giocatore alla propria sinistra e mette in mano quella ricevuta. Nel momento in cui un giocatore forma una Famiglia grida “Tappo” e poggia la mano sopra la clessidra. A quel punto tutti i giocatori mettono la propria mano sopra quella del giocatore che ha gridato “Tappo”; l’ultimo che mette la mano ottiene, come penalità, la carta Clessidra. In seguito vengono rimescolate le carte, ridistribuite, e girata una nuova Clessidra: inizia così un nuovo turno.
La partita finisce quando non ci sono più Clessidre, chi ne ha di più ha perso.

La mia opinione

10 famiglie fa parte della nuova collezione di Giochi di Carte Clementoni. Una serie di giochi portatili venduti a 5,00 €, un prezzo contenuto per una serie a target famiglie.
10 Famiglie si presenta come un Gioco di Memoria e Cooperazione, e devo dire che riesce a centrare decisamente il bersaglio.
Partendo da un concetto di gioco semplice, 10 Famiglie riesce ad integrare la tradizione dei giochi di carte – come Tappo – ad un gameplay veloce ed intrigante. Il punto di forza di questo gioco risiede nel fatto che spinge i giocatori a chiedere, con domande sempre più mirate, la carta giusta ed ad interagire tra loro in maniera efficiente; questo sia nella sua versione collaborativa che competitiva. Il gioco base richiede inoltre, una componente di astrazione, richiedendo di avere già in testa i 4 elementi della Famiglia e di andare a chiedere i mancanti alla persona giusta, dovendo quindi concentrarsi non solo sulle proprie carte ma anche sull’ascoltare le richieste degli altri.

Consiglio 10 famiglie a scuole, famiglie, centri di aggregazione che vogliano stimolare i bambini al ragionamento, all’ascolto e alla comunicazione efficace.

 

“We Play Eco”

Mi fa piacere sottolineare questa campagna di Clementoni, stampata sulla scatola troviamo infatti questa dicitura:

Clementoni per una produzione sostenibile: 85% di carta riciclata, inchiostri a basso impatto ambientale, nessuno scarico di acque reflue industriali, 70% di raccolta differenziata, 40% di materie prime a KM 0. Ogni giorno aspiriamo a migliorare.

Un iniziativa lodevole, che auspico si diffonda in tutto il mondo del Gioco da Tavolo

Lost Password

Sign Up

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: