Asmodays 2017

Asmodays 2017
Asmodays 2017

Asmodays 2017

Ciao a tutti, nella giornata di sabato 16 settembre, io, mia moglie ed un mio amico siamo andati agli Asmodays di Bologna. Abbiamo la fortuna di abitare a circa un oretta di strada e quindi siamo riusciti ad arrivare all’apertura. Conosco bene l’Admiral Park Hotel perché ogni anno partecipo alla Gobcon e non avuto difficoltà di nessun tipo. La location, lo dico per chi non c’è mai stato, è molto bella: l’hotel si erge ai piedi di una collina circondata dal verde, il parcheggio è ampio e la sala conferenze grande ha un ingresso indipendente rispetto alla reception dell’hotel.

Visto il tipo di evento e la grande affluenza, Asmodee Italia ha utilizzato tutte le sale disponibili dell’Hotel. Dopo una breve attesa in fila al punto di segreteria per la conferma della prenotazione ed il ritiro del braccialetto e delle promo ho fatto un passaggio veloce al punto Shop. C’erano molte offerte su titoli interessanti e anche le ultime novità uscite. Essendo tra i primi ad essere entrati sono riuscito a sedermi subito al tavolo di Ethnos, il nuovo gioco di Paolo Mori e novità di casa Asmodee Italia. Era il titolo che ero più curioso di provare e siamo stati fortunati perché il dimostratore aveva appena iniziato a spiegare ad una coppia di Vittorio Veneto, così abbiamo inziato la partita in 5 giocatori.

ETHNOS

Nuovo titolo di Paolo Mori, da 2 a 6 giocatori dalla durata media da 45-60 minuti. E’ un gioco di maggioranze ad ambientazione fantasy con gestione della mano di carte. Il gioco ha una variabilità molto alta perché ci sono numerose razze (noi ne abbiamo usate cinque). C’e’ una piccola dose di alea nella pesca delle carte alla cieca ma, se si prendono le carte scartate presenti nel piatto comune, si può avere maggiore controllo; il tutto dipende dalle abilità delle razze con cui si gioca. L’interazione è molto alta, graficamente molto minimale nella plancia e nelle componenti, le illustrazioni delle carte – molto old style – sono molto belle. Il gioco mi è piaciuto, premetto che ho un debole per i titoli con meccanica di maggioranza, veloci e cattivi. Sono curioso di capire meglio come scala. Gioco acquistato senza indugio.

Dopo la bella partita ad Ethnos, ci siamo uniti al tavolo con un altra coppia per provare la nuova versione di Citadel, come sempre i dimostratori sono gentili ed accoglienti.

CITADELS

Citadels

Citadels

Riedizione di un titolo molto noto, giocabile da 2 ad 8 giocatori in una nuova veste grafica che oltre al base ed alla prima espansione ne contiene una seconda. La scelta dei personaggi è molto varia ma il ruolo più o meno è sempre quello. Citadels è un ottimo gioco di carte con ruoli nascosti, semplice e divertente. L’unico difetto che ho sempre riscontrato su questo titolo è la durata, a mio avviso troppo lungo per il gameplay che offre, sicuramente giocando in due, come da molti è consigliato, rende molto di più che in molti giocatori. Citadels è un classico che non stona mai all’interno della propria collezione e la nuova veste grafica e la cura dei componenti è apprezzabile se pur a discapito della portabilità.

 

Terminata la partita a Citadel sabbiamo mangiato qualcosina al volo giusto per sedare i morsi della fame, giocare d’altronde è un dispendio di energie notevoli! Dopo pranzo, per aiutare la digestione, abbiamo preferito un gioco leggero e di abilità; visto che fare tante scale aiuta notevolmente la digestione, ci siamo dati alla Conquista della Luna!

CONQUISTA LA LUNA

Conquista la Luna

Conquista la Luna

Conquista la Luna, da 2 a 6 giocatori, è un divertentissimo gioco di abilità dove, con l’ausilio di una sola mano, si dovrà impilare/posizionare una scala in base al tiro del dado. La costruzione tridimensionale che cresce di turno in turno è spettacolare. Il gioco è semplicissimo ma non facile, assomiglia un po’ al classico Shangai al contrario ma con sviluppo in verticale. Mi sento di consigliarlo a tutte le famiglie, a chi vuole fare un titolo leggero pre o post gioco di spessore e anche a tutte le associazioni ludiche. I componenti sono belli e nonostante non sia un amante dei giochi soft devo ammettere che mi sono proprio divertito.

Dopo aver conquistato la Luna, o meglio dopo che mia moglie ha conquistato la Luna umiliandoci, ci siamo diretti al tavolo di Dice Forge. Questo titolo mi è stato regalato in occasione del compleanno e non ho avuto modo di provarlo, quindi perché non approfittarne?

Questo slideshow richiede JavaScript.

DICE FORGE

Dice Forge

Dice Forge

Dice Forge, da 2 a 4 giocatori, è un gioco di gestione di dadi, dove ognuno avrà la possibilità di staccare le facce del proprio dado per metterne delle altre più potenti. Come farlo? Semplicemente tirando il dado collezionando le varie risorse come oro e gemme o i punti vittoria. L’oro serve per acquistare le facce dei dadi, mentre le gemme fanno accedere alla conquista di carte che offrono punti e/o bonus. Il gioco mi è piaciuto molto, non è un capolavoro ma è molto divertente ed abilmente contenuto in un oretta scarsa di gioco. Il downtime è praticamente assente perché i dadi si tirano sempre e la partita scorre via che è un piacere. La componentistica è eccelsa, dalla scatola alle plance quindi posso affermare che mi hanno fatto un bel regalo (grazie wishlist di bgg 😛 ).

Su richiesta dell’amico incuriosito da tempo, ci siamo seduti al tavolo di T.I.M.E Stories, pronti ad imbarcarci in un avventura in pieno stile piratesco.

T.I.M.E STORIES

T.I.M.E Stories, da 3 a 4 giocatori, è un titolo con meccaniche originali che sfrutta l’esplorazione di un deck di carte per far vivere un avventura collaborativa in stile narrativo. Per l’occasione l’avventura era una demo compatta appositamente studiata per far comprendere il gioco e finirlo in tempi brevi. Premetto che non sono un appassionato del genere e quindi la mia valutazione personale non è positiva, però obbiettivamente il gioco è molto originale come sistema e la creazione della storia e degli eventi di pari passo con le scelte è ben congegnata. Non mi è piaciuto il dado temporale perché mi ha dato l’impressione di essere molto determinante per il successo o il fallimento. A fine partita l’unica sensazione piacevole che ho avuto è stato un ritorno alla giovinezza con il ricordo dei libro-game. Al tavolo però è piaciuto sia al mio amico che ad un altro ragazzo che si era unito alla partita.

Dopo aver girato per numerosi tavoli, non trovando alcuni titoli, ci è venuto il sospetto che la sala piccola sopra di noi, dove entrava ed usciva gente, fosse adibita ad altre demo, così ci siamo recati al piano sopra. In un primo momento sperava di provare una delle altre novità, LCG La Leggenda dei cinque Anelli, ma la dimostratrice purtroppo era troppo indaffarata ad assistere un’altra partita e così dopo 10 minuti abbiamo abbandonato la postazione per sederci in un tavolo dove c’era Arkham LCG.

ARKHAM HORROR il gioco di carte.

 

Arkham-Horror Il Gioco di Carte

Arkham-Horror Il Gioco di Carte

Arkham Horror il gioco di carte è un LCG da 1 a 4 giocatori, sull’ambientazione non spendo nessuna parola perché la conoscono tutti, anche quelli come me che non sono appassionati del mondo di Lovercraft. Non abbiamo terminato la partita perché ci voleva molto tempo, ma ho avuto modo di capire il funzionamento e sono rimasto stupito di come siano stati bravi a creare un gioco di carte che emula una vera e propria avventura, con movimento degli eroi, combattimenti, investigazione e tanta storia. Nel suo insieme l’ho trovato molto bello, un po’ macchinoso e con tante lacune su alcune carte o abilità. Non lo trovo immediato ma credo che più partite si facciano, più ci si abitui al sistema, peccato per l’ambientazione che non è di mio gusto.

Purtroppo il tempo vola, sopratutto quando si gioca, girovagando per cercare un ultimo titolo da provare, riusciamo ad infilarci per Il Padrino, uno dei titoli che ero curioso di provare.

IL PADRINO ” L’impero dei Corleone”

Il Padrino, da 2 a 5 giocatori, è un titolo che mi incuriosiva e che ha saputo sorprendermi positivamente. Non sono un amante dell’ambientazione e non avevo alcuna aspettativa però ho trovato il gioco molto piacevole. Sostanzialmente è un insieme di meccaniche bel legate tra loro, dal piazzamento lavoratori, all’asta, alla gestione dell mano, alla maggioranza sul controllo del territorio. Nessuna novità ma solo un unione perfetta di tante meccaniche conosciute senza pasticciare il flusso di gioco. Purtroppo non siamo riusciti a terminare la partita, anzi sono stati troppo gentili che nonostante la chiusura delle 19:00 siamo riusciti ad arrivare fino alle 19:30.

Dopo aver mangiato una pizza in paese per cambiare aria siamo tornati belli carichi per l’ASTA-RION di beneficenza. I miei banditori preferiti Toy e Jappo questa volta hanno avuto filo da torcere perché Luca in persona è sceso in campo facendo da banditore ed era da tanto tempo che non ridevo e mi divertivo così. C’erano tanti giochi dalle più improbabili ciofeche da Essen a vere occasioni e rarità. Un vero successo ed un ottima iniziativa, sopratutto perché a fin di bene.

In conclusione, la giornata è stata piena ed intensa, ci siamo divertiti e abbiamo giocato tanto, ho rivisto molti amici e conosciuto altri appassionati come me, perché il vero senso di questi eventi e conoscere persone, rivedere altri folli appassionati come me che rivedo per motivi di distanza solo in queste occasioni. Massimo e Luca sono due persone incredibili, mi piace pensare che sono come noi, tutti i ragazzi che hanno dimostrato ai tavoli sono sempre stati gentili e tutti preparati, complimenti all’intero gruppo Asmodee Italia e comunque diciamocelo, se dovevo venire solo per provare giochi potevo starmene a casa, tanti titoli tra me, mia moglie ed il mio amico già li abbiamo e se dovevo venire per comprare giochi non avrei fatto di certo un affare visto che occorre mettere in conto il costo di benzina, autostrada e mangiare e allora perché andare? Beh, l’ho già detto no? A questi eventi ci si va per stare tutti assieme e condividere con nuovi e vecchi amici questa grande passione dei giochi da tavolo. Alla prossima gente.

Leave a Reply

Lost Password

Sign Up

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: